Lo Monaco: "Fiorentina, impossibile tenere Chiesa. Juve, al posto di Allegri vedo bene Pochettino"

12.04.2019, 21:28 - letto 40 volte Calcio

Pietro Lo Monaco, amministratore delegato del Catania, ha parlato a MC Sport durante il Live Show.

Sulla Fiorentina
"Montella? Mi aspettavo un’evoluzione negativa per Pioli. Ho sentito troppe voci negative ma non mi aspettavo le dimissioni di Pioli. Il tecnico ha dimostrato di essere affidabile, uno con cui fare un certo tipo di lavoro ma le cose non vanno sempre come uno si aspetta. Penso che sia stato sostituito da un tecnico che ha tutto per fa bene, ha voglia di riscatto e imporsi di nuovo. Trova una Fiorentina totalmente diversa da quella allenata anni fa. In questi anni la proprietà ha cambiato indirizzo, con una certa autogestione. Ma credo sia un allenatore che ha capacità di esprimere il lavoro in campo e penso possa fare bene. Coppa Italia? Affronta una squadra vivace, non sarà semplice. L’Atalanta è a tratti più efficace fuori che in casa. La Fiorentina deve provarci comunque, per un traguardo che sarebbe notevole".

Su Chiesa
"Trattenerlo ancora? Ad oggi è un’impresa titanica. E’ un diamante, un talento allo stato puro. I programmi della Fiorentina non sono in sintonia con l’ulteriore crescita del calciatore. Di fronte a richieste importanti, come con Bernardeschi, credo possa mollare".

Sulla Juve in Champions
"Dovrà sudare con l’Ajax al ritorno. Il compito al ritorno con l’Atletico è stato facilitato dagli spagnoli. Non sarà semplice. L’Ajax ha tanti giovani, che hanno una cultura di come si gioca a calcio e che non cambia giocando fuori casa. Se la giocheranno apertamente. Ma la Juve ha Ronaldo e i campioni rispondono sempre presente a certe partite".

Sul prossimo mercato della Juve
"Agire in difesa? De Ligt è un giovane, che ha l’età dalla sua parte. Ha fisico e capacità importanti. Secondo me la Juve ha le idee chiare e ha già individuato i nomi per il reparto".

Su Allegri
"Potrebbe succedere che voglia andare via, ma c’è da dire anche che la Juve ha una sua cultura. Uno come il tecnico dell’Ajax, seguace di Guardiola, lo vedo difficile alla Juve. Vedo più uno come Pochettino".

Sull’Inter e Icardi
"Andrà via, non può restare lì. Troppe chiacchiere, troppa devastazione ha creato. Non credo che lo svenderanno, perché Icardi ha una grande capacità realizzativa, tra le migliori in Europa. L’Inter avrà bisogno di un grande attaccante per sostituirlo".

Su Spalletti
"I rumors dicono lui via e Conte dentro. Ma Spalletti ha sempre dimostrato di essere un allenatore con le idee chiare. Ha dimostrato di essere uno di valore".

Su Gattuso
"La bontà del lavoro di Gattuso lo si vede nei risultati che ha ottenuto in proporzione all’organico che ha".

Sulla Roma
"Cambio inutile in panchina. Non per Ranieri, aggiungere un’altra defezione dopo il ds non è buono. E’ stata una scelta superflua. Per il prossimo anno chi vedo sulla panchina? Devono decidersi sulla direzione tecnica. Non prenderei stranieri alla direzione tecnica, non solo per la lingua ma anche per conoscenza del calcio italiano".

Sulla lotta salvezza
"E’ ancora tutto aperto, il Frosinone è in salute, l’Empoli può mettere in difficoltà tutti, il Bologna è in risalita. Rischiano tutti. Retrocede sempre una squadra impensata, quindi occhio magari alla Spal".

Sul Catania
"Bisogna arrivare avanti, stiamo lottando per il sogno B. Ce la giochiamo".

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.
Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.