Popović: "Ho preferito Firenze alla Turchia. Bisonte, stagione da alti e bassi"

10.12.2018, 20:19 - letto 61 volte Altri sport

Mina Popović, pallavolista serba del Bisonte Firenze, è intervenuta durante il Live Show di RMC Sport. Ecco le sue parole:

Sulla sua carriera
"Sono stata alla Stella Rossa, praticamente a casa mia, dove ho fatto 5 anni. Poi sono arrivata in Italia. Il primo sport la pallavolo, prima però ero ballerina di danza classica, poi moderna e latino-americano. Ero normale, poi sono cresciuta e mi hanno detto di fare pallavolo. Vicenza? Noi serbi, quando si parla di Italia, siamo emozionati perché ci piace il Paese. Quando ho ricevuto la chiamata per venire non ci ho pensato su due volte. Ero contenta di andare a vivere da sola, quindi mi sono trovata bene. Anche con le ragazze. Poi dal 2016 al 2018 invece a Bergamo, città per lo sport molto bella perché segue tante discipline. Prima di arrivare a Firenze, c’era la possibilità di andare in Turchia. Mi piace rimanere qui, il campionato è davvero bello e forte".

Sulla Nazionale serba e italiana
"All’ultimo Mondiale ero infortunata e potevo essere campionessa del mondo. Volevo essere pronta dopo gli infortuni alla caviglia e alla fine ho scelto di giocare e stare bene in Italia. L’Italia è un gruppo giovane, ha in campo tante giovani e hanno risposto andando in finale ai Mondiali. Nessuno se lo aspettava, secondo me nei prossimi anni ci potrebbero mettere in difficoltà".

Su Egonu e Boskovic
"Sono entrambi forti, diverse come caratteristiche. Boskovic ha solo più esperienza".

Sulla stagione del Bisonte
"Alti e bassi, abbiamo vinto l’ultima partita importante col Club Italia, ora giochiamo con il Conegliano che è davvero forte e punta al campionato. Non è stato facile capire gioco e tattiche. Abbiamo una strada lunga davanti a noi".

Su coach Caprara
"Tante mi hanno detto che era forte, ho scelto di venire a Firenze anche per lui. Dalla parte tecnica e tattica è fortissimo".

Sugli obiettivi stagionali
"Siamo più forti dello scorso anno, è stato fatto uno step in avanti. Ci vorrà solo tempo e pazienza per carburare e giocare al meglio".

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.
Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.